L’intelligenza artificiale generativa, come ChatGPT, promette efficienza e produttività, ma solleva preoccupazioni di omogeneizzazione dei contenuti. Marketer e aziende devono bilanciare l’uso dell’IA con interventi manuali per mantenere l’autenticità e la qualità distintiva dei loro brand, evitando così narrazioni standardizzate e anonime

L’articolo L’IA e il rischio di contenuti “senz’anima”: i problemi nel marketing proviene da Agenda Digitale.