I prestatori di servizi di portafoglio digitale e criptovalute sono ora obbligati a iscriversi alla sezione speciale del registro OAM, un’anagrafe nata per tutelare gli utenti e prevenire il riciclaggio di denaro: tutti gli obblighi e le sanzioni, chi si è già iscritto e perché resta difficile eliminare l’anonimato

L’articolo Obbligo di iscrizione al registro OAM per gli operatori cripto: cosa è cambiato e tutte le sanzioni proviene da Agenda Digitale.