La crunch culture, ossia la forma mentis che ha accompagnato l’industria videoludica per anni, fatta di orari di lavoro proibitivi prolungati talvolta per mesi, non è più tollerabile. Ma quali sono le alternative per continuare a produrre giochi di qualità con la dovuta attenzione al benessere dei lavoratori?

L’articolo Crunch culture, il lato oscuro del gaming: così l’industria “spreme” gli sviluppatori per profitto proviene da Agenda Digitale.